JUVE-TORO E I CASI COSENZA-SALERNITANA E SUAREZ



DERBY DELLA MOLE

 In copertina c'è la decima giornata e il derby di Torino, che come al solito presenta una favorita (la Juve) e una rivale che cerca punti salvezza dopo due mesi ansiogeni (il Toro). Il risultato è meno scontato di quanto non lo fosse stato altre volte, nonostante la netta tradizione positiva bianconera e i precedenti che parlano chiaro a favore della Vecchia Signora. Non ci sarà Morata, che in questa stagione vale quasi quanto Ronaldo e ci sarà, invece, CR7, che continua a timbrare come non ci fosse un domani.



CASO COSENZA-SALERNITANA 

 Il Giudice Sportivo,  in relazione alla partita Cosenza-Salernitana, del 29 novembre (9/a giornata di Serie B), ha respinto il ricorso della società silana, omologando lo 0-1 maturato sul campo.

Il Cosenza lamentava un errore tecnico dell’arbitro Dionisi e del quarto uomo, sulla prima ammonizione inflitta al calciatore Ba e sulla irregolarità nella disputa della partita, perché «il direttore di gara, accortosi che il giocatore Bruccini era rimasto sul terreno di gioco, nonostante fosse stato autorizzato il cambio del giocatore Ba al suo posto, abbia deciso di ammonire proprio quest’ultimo».





L'allenatore silano,il cetrarese Roberto Occhiuzzi


L’arbitro, nel proprio rapporto, ha spiegato che «al minuto 30’59” del secondo tempo interrompevo il gioco, perché mi rendevo conto che il Cosenza aveva sul terreno di gioco 12 calciatori (il Cosenza ha giocato con 12 calciatori per 24″ e il calciatore che non aveva diritto a partecipare al gioco era il n. 17 Ba Abou Malal, ndr) e il calciatore Ba Abou Malal veniva ammonito al 32′ st, perché faceva ingresso nel terreno di gioco senza la mia autorizzazione».

 Il giudice sportivo, si legge nel comunicato «ha ritenuto che, dalla documentazione acquisita, non emerge alcun errore tecnico da parte dell’arbitro, pertanto dichiara inammissibile, e comunque respinge nel merito, il ricorso presentato dal Cosenza, omologando il risultato della partita Cosenza-Salernitana con il punteggio di 0-1».








CASO SUAREZ

Non è possibile ipotizzare in modo credibile cosa rischia la Juventus dall'inchiesta Suarez della Procura di Perugia. Gli elementi a disposizione in questo momento lasciano aperto un ventaglio talmente ampio che sarebbe necessario costruire un'ipotesi sopra un'ipotesi sopra un'ipotesi, si va dal nulla fino alla penalità di qualche punto in campionato, passando per una decina di declinazioni e sfumature. Sgomberiamo, invece, il campo dell'ipotesi retrocessione, prevista dall'articolo 32 del Codice Figc che riguarda il tesseramento di giocatori con documentazione falsa o artefatta, perché la Juventus non ha tesserato Suarez, non ha prodotto documentazione falsa e quella documentazione non esiste nemmeno (Suarez non ha in mano il passaporto italiano) per cui la JUVE rischia MASSIMO qualche punticino 

Posta un commento

0 Commenti