3-0 A TAVOLINO E PARATICI RESTA!



Il Cda bianconero ha confermato il dirigente Fabio Paratici, che sarà a nuovamente a capo dell'Area Football del club.
3-0 a tavolino per la Juve. E un punto di penalizzazione al Napoli per violazione del protocollo sportivo anti Covid-19 (come pena integrativa del 3-0). E’ la decisione del giudice sportivo Gerardo Mastrandrea sull’affaire Juve-Napoli, la partita non disputata domenica 4 ottobre dato il mancato arrivo dei partenopei
 bloccata dalle due Asl competenti. Si tratta della decisione di primo grado, con la società di De Laurentiis che ricorrerà alla Corte d’Appello federale. Per il giudice sportivo della Lega, la nota della Asl Napoli 1 inviata venerdì (era già emersa la positività di Zielinski, poi sarebbe toccato a Elmas) al medico sociale del Napoli dichiarava in maniera "chiara e inequivocabile che la responsabilità nell’attuare i protocolli previsti dalla Figc per il contenimento dell’epidemia da Covid 19 è in capo alla Soc. Napoli e pertanto quest’Azienda non ha alcuna competenza". Per Mastrandrea i pronunciamenti descritti dalle Asl "delineano un quadro che non appare affatto incompatibile con l’applicazione delle norme specifiche dell’apposito Protocollo sanitario Figc e quindi con la possibilità di disputare l’incontro di calcio programmato in Torino". In pratica, non c’è stata "forza maggiore".

Posta un commento

2 Commenti

  1. Ottimo articolo, la decisione del giudice sportivo, anche se giusta, comunque, lascia l'amaro in bocca. Sono dell'avviso che l'unica sentenza in una partita di calcio la debba dare il campo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno,grazie del complimento sono anch'io dell'opinione che la partita debba decidersi sul campo ma in questi casi la sconfitta a tavolino è l'unica cosa possibile

      Elimina